LEGGERE GLI UOMINI

Leggere gli uomini cercando di capirne l'anima

LA SCRITTRICE ABITA QUI

Un pellegrinaggio nelle case e nelle vite di scrittrici grandissime

LESSICO FEMMINILE

Capire qualcosa di più della mia stirpe,

trovare il bandolo del nostro comune sentire femminile.

LA PERSONA GIUSTA

Amami per i miei occhi nocciola solamente

e per le mani che t’accarezzano eternamente.

La Corsara

Ritratto di Natalia Gizburg

ADDIO A ROMA

l’Italia della cultura che non ha più voglia di affermarsi

CARE PRESENZE

...e ogni sera si raccontano una storia di fantasmi per farsi paura...

LE SIGNORE DELLA SCRITTURA

...non ci troviamo a nostro agio nel mondo di oggi...

  • 16 Feb Quando ci colpisce un fulmine (IlFoglio 16/2/24)

    I “fulminati” sono quelli che, centrati da un fulmine, ci rimettono le penne. I “folgorati” invece sono quelli che, investiti con meno violenza, sopravvivono. Ma non si sopravvive a un fulmine come se niente fosse. I colpiti riscontrano conseguenze, «chi a livello motorio, chi più......

  • 01 Feb Il gelo di Bernhard (IlFoglio, 1/2/24)

    Diceva Ingeborg Bachmann che i libri di Thomas Bernhard sono «necessari, indispensabili, inevitabili». E a rileggere Gelo, che torna adesso da Adelphi nella ormai classica traduzione di Magda Olivetti (rivista da Marina Pugliano), bisogna darle ragione. Bernhard, nel suo essere estraneo a tutto fuorché alle......

  • 01 Feb Considerazioni sull’invecchiare (L’Immaginazione 339, gennaio ’24)

    Quando scrissi Vecchi, uscito nel 1994 con Theoria e ristampato cinque anni dopo da Baldini&Castoldi, avevo quarant’anni, m’interessava il buddismo e coltivavo della vecchiaia un’idea, diciamo, romantica. La vedevo come l’età della saggezza, influenzata com’ero dall’India e da certi ashram che avevo visitato, dove si......

  • 26 Gen Con le chiavi fra le dita (IlFoglio 26/1/24)

    Sorprende che un trentacinquenne al suo esordio narrativo componga un romanzo come Tua figlia Anita (Nutrimenti, 170 pagine, 17 euro). E non perché sia un romanzo sulla morte, tema che intriga a ogni età, ma perché la morte raccontata da Massari non ha niente di......

  • 21 Gen Beckett, il genio che spaventa (IlFoglio, 20/1/24)

    Samuel Beckett morì il 22 dicembre 1989 a ottantaquattro anni non ancora compiuti (era nato nell’aprile del 1906) e fu sepolto al cimitero di Montparnassse, il quartiere parigino dove viveva, accanto alla moglie Suzanne Deschevaux-Dumesnil, morta cinque mesi prima. La sua tomba fu per settimane......

  • 05 Gen Deledda, un vecchio e villa Caravella (IlFoglio, 5/1/24)

    Esattamente un anno fa, a Cervia, un attivissimo comitato di dieci cittadine fondava l’associazione Una Nobel abita qui col preciso intento di riuscire prima o poi a rendere museo Villa Caravella. Così, infatti, Grazia Deledda (Premio Nobel nel 1926) aveva chiamato la sua casa estiva,......