Author:Sandra Petrignani

Gli addii (L’Immaginazione, n.299, giugno ’17)

[caption id="attachment_4682" align="alignleft" width="300"] Un bel ricordo: durante l'incontro con Reichlin che organizzai qualche anno fa ad Amelia. Ha la giacca, ma anche il golf! (Foto Pasquale Comegna)[/caption] C’è una foto in Internet con la didascalia: «I gappisti romani del 1944». Un gruppo di giovani uomini...

Read More

C’era una volta la maschera (Immaginazione n.298)

  Parlando con un amico di com’erano le sale cinematografiche una volta, buie buie e piene di fumo, ma almeno prive del bombardamento cafone di pubblicità scassatimpani, salta fuori una figura dimenticata, quella della “maschera”, un’oscura signorina che attendeva gli spettatori sulla porta della sala (si...

Read More

OTTOBRE, un racconto per il semestrale APPENNINO (gennaio-luglio 2017)

http://consiglio.basilicata.it/consiglioinforma/files/docs/03/37/96/97/DOCUMENT_FILE_3379697.pdf   Andai nella stagione delle castagne. Gli avevo detto che cercavo un posto tranquillo per scrivere, se mi poteva ospitare. Disse che era felice di ospitarmi, che anche lui si ritirava a scrivere sulla montagna. Disse montagna, ma era solo una collina, seicento metri o giù...

Read More

I vecchi e i giovani (L’Immaginazione n. 297 genn-febb ’17)

[caption id="attachment_4619" align="alignleft" width="300"] Novita Amadei[/caption] Personaggi di vecchi immersi in una loro realtà quotidiana credibile e, naturalmente, complicata non è materia comune nella nuova narrativa italiana. Gli autori amano tratteggiare autoritratti con riferimento fortemente generazionale e il mercato è invaso da scrittori fra i venti...

Read More

COME UN PESCE NEL GHIACCIO (Il Foglio, 31/12/16)

[caption id="attachment_4604" align="alignleft" width="271"] Cesare Pavese[/caption] C’è un albergo a Torino, accanto alla Stazione Porta Nuova, si chiama Hotel Roma. Cesare Pavese ci si è ucciso nella notte fra il 26 e il 27 agosto del 1950. Conservano la stanza com’era, ma non è un museo....

Read More

26/12/2016

Il 10 ottobre del 1985 Giorgio Manganelli mi disse qualcosa che non dimenticherò mai. «Tu vuoi la garanzia che sei uno scrittore. La vuoi da me? Non sai che lo scrittore è quell'infelice creatura che non saprà mai se quello che va scrivendo vale o...

Read More